Quel rapporto indissolubile tra Amore e Cibo

 

 

 

FOT DI MARIA ROSARIAlogo di maria rosaria

 

 

 

Il termine “afrodisiaco” deriva del nome della dea dell’amore, Afrodite, e viene usato per indicare tutti quei cibi che stimolano il desiderio agendo su fattori metabolici e psicologici.  Alcuni agiscono  sulla sessualità semplicemente annullando i freni inibitori: ne sono un esempio gli alcolici, soprattutto vino e champagne, che rilassano l’atmosfera ma spesso non migliorano le performance sessuali, anzi, rischiano di far incorrere in spiacevoli effetti collaterali quali sonnolenza e mal di stomaco. Meglio preferire quei cibi in grado di esercitare un’azione ormonale sulla circolazione sanguigna o sulla stimolazione dell’olfatto e della vista.

Anche il contesto in cui il cibo viene cucinato e/o consumato, il modo in cui si presenta il cibo e si apparecchia la tavola, oltre che la sensualità che accompagna questi momenti soprattutto nel momento della conquista, sono dettagli importanti fortemente legati all’aspetto emotivo.

La maggior parte dei prodotti alimentari definiti “afrodisiaci” sono vegetali, veri e propri stimolatori sessuali utilizzati anche per trattare delle vere e proprie disfunzioni sessuali.

rapporto tra amore e cibo  maria rosaria

  • Maca: è una pianta dalle note proprietà energizzanti, tradizionalmente impiegata per migliorare l’energia e favorire la fertilità, ma anche trattare le disfunzioni legate all’apparato sessuale come impotenza e calo della libido; diversi studi hanno dimostrato come la maca migliori significativamente i parametri relativi alle prestazioni sessuali e la mobilità degli spermatozoi.
  • Zenzero: aumenta la vitalità e la motilità degli spermatozoi e la concentrazione del testosterone totale nel siero, e grazie alla presenza di un olio molto raro stimola la circolazione periferica, garantendo così un maggior afflusso di sangue verso gli organi sessuali, risultando adatto non solo contro l’affaticamento e l’astenia ma anche contro l’impotenza.
  • Peperoncino: ricco in capsaicina, responsabile del caratteristico sapore piccante, è sicuramente l’afrodisiaco naturale per eccellenza soprattutto grazie al suo contenuto in lecitina, che ha forti proprietà vasodilatatrici capaci di aumentare l’irrorazione sanguigna periferica e la temperatura corporea, con azioni positive anche sulla salute di cuore e arterie; il contenuto in antiossidanti, invece, contribuisce a mantenere il nostro aspetto più giovane e attraente.
  • Mandorle: il loro contenuto in magnesio è importante per migliorare l’umore e predisporre alle effusioni, mentre il contenuto in vitamina E è in grado di stimolare la fertilità agendo direttamente sul desiderio sessuale
  • Asparagi: sono forti stimolanti del desiderio sessuale e aiutano a ottenere buone performance fisiche, in particolare grazie alla presenza di potassio, vitamine del gruppo B, vitamina A, vitamina C e vitamina E, e altre sostanze che favoriscono la produzione di ormoni sessuali maschili.
  • Banane: presentano importanti componenti per la sintesi di testosterone, ovvero potassio e vitamina B6, oltre che particolari enzimi in grado di incrementare la libido.
  • Tartufo: utilizzato già dagli antichi romani, pare che il suo potere stimolante sia dovuto al loro contenuto in androsterone, una sostanza presente nei maiali maschi e in grado di creare uno stato di eccitazione nelle femmine.
  • Ginseng: noto per le sue proprietà toniche e stimolanti, oltre che afrodisiache, stimola la circolazione sanguigna migliorando l’afflusso verso gli organi sessuali, risultando utile anche nelle disfunzioni erettili.
  • Cacao: da preferire extra fondente e con aggiunta di fave intere o semi di cacao, cosi che grazie al suo contenuto in bioflavonoidi possa stimolare la dilatazione delle arterie favorendo la circolazione; inoltre contiene numerose sostanze antiossidanti e se, come spesso accade, associato con le fragole, tale caratteristica viene notevolmente ampliata.
  • Zafferano: anche se mancano informazioni scientifiche a riguardo, è certo che stimola la circolazione sanguigna e risveglia i sensi.
  • Avocado: è in frutto particolarmente energizzante e ricco di acidi grassi omega3 che preservano cuore e arterie, favorendo così la salute sessuale.
  • Ostriche: contengono un’alta concentrazione di zinco, che aumenta la funzione riproduttiva sia nell’uomo che nella donna, e di acido aspartico, aminoacido coinvolto nella secrezione ormonale e normalmente presente nel liquido seminale, nel testicoli e negli spermatozoi; inoltre, costando molto, sono collegate ai soldi e alla ricchezza, due importanti fattori di eccitazione.
  • Dunque, la scelta è davvero ampia. Se avete in programma di preparare una cenetta per la serata di San Valentino ormai imminente saprete su cosa basarla.

    Ma oltretutto, le notevoli caratteristiche nutrienti di questi prodotti sono importanti per mantenerci in buono stato di salute generale e questo rappresenta un requisito fondamentale per mantenere attiva e in salute anche la nostra sessualità.

Bibliografia

Capsaicin may have important potential for promoting vascular and metabolic health. McCarty MF, DiNicolantonio JJ, O’Keefe JH. 2015,

 

Ginger from ancient times to the new outlook. Laleh Khodaie and Omid Sadeghpoor. Jundishapur J Nat Pharm Prod. 2015 Feb.

Lepidium meyenii Walp. improves sexual behaviour in male rats independently from its action on spontaneous locomotor activity- A.F.G. Cicero, E. Bandieri, R. Arletti. Journal of Ethnopharmacology, Volume 75, Issues 2-3, May 2001.

Banana peel extract suppressed prostate gland enlargement in testosterone-treated mice. Akamine K1, Koyama T, Yazawa K.Biosci Biotechnol Biochem. 2009 Sep;73(9):1911-4. Epub 2009 Sep 7.

Traditional plant aphrodisiacs and male sexual dysfunction. Bella AJ, Shamloul R.Phytother Res. 2014 Jun;28(6):831-5.

Dark chocolate consumption improves leukocyte adhesion factors and vascular function in overweight men. Esser D1, Mars M, Oosterink E, Stalmach A, Müller M, Afman LA.FASEB J. 2014 Mar;28(3):1464-73. doi: 10.1096/fj.13-239384. Epub 2013 Dec.

Female sexual enhancers and NeutraceuticalsMichael L. Krychman, Jyothirmai Gubili, Leanne Pereira, Lana Holstein, Barrie Cassileth. December 2007, Volume 4, Issue 4, pp 177-182

 

 

Altri articoli >>

 

 

 

 




Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *