Mercoledì I settimana di Quaresima anno A (

 

 

 

A questa generazione non sarà dato che il segno di Giona. Lc 11,29-32

 

+ Dal Vangelo secondo Luca

In quel tempo, mentre le folle si accalcavano, Gesù cominciò a dire:
«Questa generazione è una generazione malvagia; essa cerca un segno, ma non le sarà dato alcun segno, se non il segno di Giona. Poiché, come Giona fu un segno per quelli di Nìnive, così anche il Figlio dell’uomo lo sarà per questa generazione.
Nel giorno del giudizio, la regina del Sud si alzerà contro gli uomini di questa generazione e li condannerà, perché ella venne dagli estremi confini della terra per ascoltare la sapienza di Salomone. Ed ecco, qui vi è uno più grande di Salomone.
Nel giorno del giudizio, gli abitanti di Nìnive si alzeranno contro questa generazione e la condanneranno, perché essi alla predicazione di Giona si convertirono. Ed ecco, qui vi è uno più grande di Giona».
Parola del Signore

Una generazione che cerca segni: non è cambiato molto, da allora. E’ come se fossimo annoiati del quotidiano, come se avessimo sempre bisogno di gesti eclatanti, di manifestazioni straordinarie, di miracoli strepitosi. Eppure Gesù è consapevole che il miracolo è ambiguo, che possiamo credere al miracolo senza riconoscere chi lo compie e cercare Dio per ciò che opera, non per ciò che egli è davvero. No: il miracolo è funzionale al Regno, “serve” solo se conduce a Dio, se spalanca il nostro cuore. Il miracolo può essere una scorciatoia, un’emozione che – una volta passata – ci lascia intatti nella nostra indifferenza. Attenti, discepoli, a non correre dietro ai presunti miracoli, ma a riconoscere l’unico grande segno che il Maestro ci ha lasciato: il segno di Giona. Giona, pavido profeta, venne inghiottito da un pesce in mare aperto e poi ributtato sulla terra per compiere la sua missione secondo la colorita parabola che lo descrive. Così Gesù resterà per tre giorni nel ventre della morte prima di ritornare in vita. La resurrezione è il grande segno da riconoscere, la grande novità della fede.
Paolo Curtaz

Potrebbero anche interessarti :

Video  Feste e tempi forti >>

Quaresima anno B >>
Quaresima  anno C >>




Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *