I Domenica di Avvento anno A ( Vegliate… )

 

 

 

 

VEGLIATE  PER  ESSERE  PRONTI  AL  SUO  ARRIVO  Mt 24, 37-44

+ Dal Vangelo secondo Matteo

In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli:
«Come furono i giorni di Noè, così sarà la venuta del Figlio dell’uomo. Infatti, come nei giorni che precedettero il diluvio mangiavano e bevevano, prendevano moglie e prendevano marito, fino al giorno in cui Noè entrò nell’arca, e non si accorsero di nulla finché venne il diluvio e travolse tutti: così sarà anche la venuta del Figlio dell’uomo. Allora due uomini saranno nel campo: uno verrà portato via e l’altro lasciato. Due donne macineranno alla mola: una verrà portata via e l’altra lasciata.
Vegliate dunque, perché non sapete in quale giorno il Signore vostro verrà. Cercate di capire questo: se il padrone di casa sapesse a quale ora della notte viene il ladro, veglierebbe e non si lascerebbe scassinare la casa. Perciò anche voi tenetevi pronti perché, nell’ora che non immaginate, viene il Figlio dell’uomo».

Parola del Signore

Dio viene senza avvisare e noi, per non essere sorpresi, dobbiamo imparare a leggere gli avvenimenti alla luce della Parola di Dio. Per illustrare come dobbiamo essere attenti agli avvenimenti, Gesù ricorre all’episodio del diluvio al tempo di Noè. Anche noi sappiamo con certezza che il Signore verrà, ma non sappiamo quando e perciò dobbiamo essere sempre pronti e, per esserlo, dobbiamo vivere secondo i precetti divini; dobbiamo essere appunto vigilanti, fare del bene e cercare di portare la luce laddove ci sono le tenebre; dobbiamo amare e curare le persone che Dio ci ha messo accanto e tutte le persone che in qualsiasi momento possono avere bisogno di noi. Dobbiamo vivere nella Fede, nella Speranza e nella Carità. Da un giorno all’altro possiamo essere chiamati da Lui. E noi cosa portiamo? La nostra vita.            ( Dall’Omelia di un amico Sacerdote )

Potrebbero anche interessarti :

Vivi l’anno liturgico >>
Avvento anno A >>
Riflettiamo >>
Video Feste  e Tempi forti >>

 




Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *